Storia e culture contemporanee - DM 270

Classe di appartenenza: L-42 (Storia)

Il corso di laurea in Storia e culture contemporanee intende offrire nozioni e schemi interpretativi per comprendere la realtą contemporanea, quale si č delineata con l'avvento della modernitą a partire dalla Rivoluzione francese e, prima ancora, da momenti di svolta come le grandi scoperte geografiche, la Riforma protestante e le altre fasi di cambiamento culturale, conoscitivo e politico-sociale. Accanto alla storia, la filosofia e le altre discipline umanistiche e sociali convergono nel mettere a fuoco i percorsi con i quali la modernitą e i suoi principali paradigmi (individuo, coscienza, idea di progresso, sviluppo, secolarizzazione, ecc.) si sono costituiti negli ultimi due secoli attraverso i mutamenti sociali, le nuove dislocazioni del pensiero, le rotture epistemologiche, le svolte antropologiche, i trapassi da uno schema concettuale a un altro anche in campo economico, letterario e artistico.
A questo scopo offre nozioni teoriche, metodologiche e conoscenze di base oltre che nelle discipline storiche in antropologia, filosofia, sociologia, storia dell'arte e della letteratura, con aperture all'economia. Attraverso una formazione ad ampio spettro, intende condurre le studentesse e gli studenti a elaborare un approccio personale, autonomo e critico alle ereditą culturali, alla modernitą e alle sue contraddizioni. A questo scopo le studentesse e gli studenti potranno apprendere le diverse forme e i metodi dell'analisi e la decostruzione delle identitą mediante due possibili percorsi: l'uno dedicato alle forme del sapere, l'altro alle diversitą culturali. Il Corso consente l'accesso a varie lauree magistrali, con particolare attenzione a quelle attivate o promosse dal Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali dell'Universitą di Modena e Reggio Emilia, e prepara altresģ alla partecipazione alle classi di concorso per l'insegnamento.

Istruzioni Immatricolazione

Presentazione

Requisiti e prospettive

Piani di studio e manifesti

Obiettivi e risultati attesi

 

Contatti:

Alfonso Botti (presidente)

Matteo Al Kalak (segretario)

 

 

 


Ultima modifica: 26 luglio 2018