Tirocinio (stage)

Il Tirocinio (o stage) di formazione e orientamento consiste in un periodo di durata variabile che lo studente o il laureato (entro 12 mesi dalla data di laurea) può trascorrere presso un'azienda o ente che abbia stipulato apposita convenzione con l'Università.
Nell'ambito dei nuovi ordinamenti, il Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali si è attivato per avviare accordi con enti ed organizzazioni del mondo del lavoro per favorire i tirocini dei propri studenti e opera nel quadro degli orientamenti della commissione di ateneo per l'orientamento al lavoro.
I tirocini vengono coordinati dal delegato per l'orientamento al lavoro, supervisionati da un tutor scientifico e gestiti da un tutor organizzativo.

Per maggiori informazioni consultare il  sito di Ateneo alla sezione Lavoro e placement e contattare le dott.sse Daniela Longo e Angela Piroddi, tutor organizzativi per i tirocini del Dipartimento, che ricevono gli studenti il martedì e il mercoledì mattina dalle 10.30 alle 13.30 presso il piano ammezzato della sede del  Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali (Largo Sant'Eufemia, 19). Negli altri giorni ricevono per appuntamento previa e-mail.

Il prof. Francesco Pighi, referente per l'orientamento al lavoro, si occupa di questioni generali legate al funzionamento dei tirocini.

Prerogative del tirocinio 
Costituisce un'attività formativa, all’interno dei corsi di studi (III° anno Laurea di triennale, II° anno Lauree Magistrale) che realizza un momento di alternanza tra studio e lavoro, agevolando le scelte professionali degli studenti, mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro.
Non costituisce rapporto di lavoro, bensì uno scambio di prestazioni: attività lavorativa dello studente, attività formativa da parte dell'azienda ospitante.

Documentazione 
- Convenzione tra azienda/ente e Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali: la convenzione formalizza il rapporto tra università e aziende/enti e ha una durata biennale. La stessa verrà utilizzata nell’arco dei 2 anni per l’attivazione di tirocini di più studenti ospitati all’interno della stessa azienda convenzionata.

- Progetto formativo: per ogni studente tirocinante verrà stipulato un progetto formativo indicante

  • i dati anagrafici dello studente,
  • gli estremi assicurativi (infortuni e responsabilità civile che sono a carico dell’università),
  • il progetto inteso come l’attività che lo studente svolgerà in azienda

Per poter iniziare il tirocinio è necessario che tale documentazione sia in possesso del tirocinante, dell’azienda ospitante, del tutor organizzativo.

I soggetti 
I soggetti coinvolti sono: Ente promotore (Università), Azienda (soggetto ospitante), Tirocinante (studente).

L'Università organizza il tirocinio attraverso la collaborazione di due soggetti:

  •     tutor organizzativo
  •     tutor scientifico (docente universitario)

L'Azienda provvederà a nominare un tutor aziendale ossia il soggetto che sarà responsabile della formazione del tirocinante all'interno dell'Azienda.

Ruoli dei soggetti 

Tutor organizzativo

  • Raccoglie le richieste di tirocinio degli studenti delle Lauree triennali/di base - del primo o secondo anno per la specialistica. Di norma viene consultato dallo studente circa due/tre mesi prima della data scelta per iniziare il tirocinio
  • Promozione dello strumento tirocinio e delle competenze dello studente presso le aziende
  • Richiesta progetti alle aziende
  • Gestione del data base "aziende che collaborano con il Dipartimento"
  • Selezione dello studente in base alle esigenze aziendali e alle richieste e competenze del discente (match azienda – studente)

oppure

  • Contatto con le aziende suggerite dagli studenti
  • Messa a punto della documentazione necessaria all’attivazione del tirocinio
  • Monitoraggio in itinere
  • Verifica del grado di soddisfazione sia dell'Azienda sia del Tirocinante

Tutor scientifico

  • Valutazione del progetto al fine di accertare la sua valenza formativa. Concedere il suo consenso verbale prima della compilazione della documentazione (convenzione e progetto formativo)
  • Monitoraggio in itinere per valutare la coerenza tra l'attività che si sta svolgendo e il progetto formativo stabilito
  • Compilazione della scheda tirocinio insieme allo studente a termine dell’esperienza al fine dell’acquisizione dei crediti:
    • valutazione delle competenze acquisite
    • inserimento dei crediti formativi sulla scheda tirocinio
  • Proporre al tutor organizzativo e allo studente eventuali aziende/enti con cui si hanno contatti personali

Tutor aziendale

  •    Provvedere alla formazione del Tirocinante all'interno dell'Azienda
  •    Compilare insieme al tirocinante la tabella presenze
  •    Supervisionare l’attività del Tirocinante in Azienda
  •    Compilare il questionario di valutazione a fine esperienza

Crediti Formativi 
Il tirocinio formativo viene commutato in crediti formativi (1 credito è pari a 25 ore di lavoro).
Gli studenti possono utilizzare i crediti a scelta per il tirocinio formativo. Occorre che la permanenza in azienda sia per un periodo più lungo ma soprattutto che il tutor scientifico valuti il progetto idoneo all’acquisizione di un maggior numero di crediti.

La realtà lavorativa non ragiona in termini di crediti ma in termini di “formazione” e “competenze”. Pertanto i tirocini offerti hanno una durata variabile in base al progetto proposto dall'azienda che ragiona in termini di mesi e non di ore.
Le aziende (soprattutto quelle di grandi dimensioni) in base alle proprie esigenze possono proporre tirocini di una durata superiore rispetto alle ore richieste per ottenere crediti. Lo studente avrà modo di acquisire un arricchimento curriculare e la possibilità di farsi valutare in prospettiva di una futura assunzione.

Retribuzione 
I Tirocini non sono retribuiti.  Non costituiscono attività lavorativa ma attività formativa.
Si articolano in un interscambio tra prestazione di lavoro e attività formativa (orientamento cultura del lavoro, apprendimento di una mansione, applicazione pratica delle competenze teoriche).
L'Azienda può decidere di elargire al Tirocinante eventuali rimborsi spese.

Iter procedurale per l’attivazione dei tirocini 

I tirocinanti possono scegliere tra due opzioni:

1) usufruire delle aziende che collaborano sistematicamente con il Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali 
Le aziende inoltrano le loro proposte al tutor organizzativo indicante l’attività da svolgere e le competenze richieste al candidato.
Gli studenti che vogliono candidarsi per un’attività di tirocinio formativo seguendo tale iter devono provvede all’invio tramite e-mail a Daniela Longo  del curriculum vitae.
Sistematicamente verranno pubblicate sulla pagina facebook dell’Ufficio Stage DSLC le offerte stage che provengono dai contesti aziendali.
E’ prevista la possibilità di svolgere tirocini all’estero in paesi di lingua inglese, spagnola, tedesca o francese. Gli studenti interessati ad un’esperienza fuori dal territorio nazionale devono contattare via e-mail il tutor organizzativo che informerà sulla procedura da seguire.

2) usufruire di propri contatti 
L’aspirante tirocinante che ha trovato, per proprio conto, un’azienda disposta ad ospitarlo in tirocinio deve inoltrare una e-mail al tutor organizzativo Daniela Longo .
In tal modo verrà indicata la procedura da seguire per attivare il tirocinio (ricerca tutor scientifico, compilazione della convenzione, spiegazione art. 4 della convenzione).

Esiste la possibilità, per studenti impossibilitati a visualizzare le offerte di stage sulla pagina facebook o a recarsi personalmente a ricevimento nei giorni prestabiliti, di compilare la SCHEDA STUDENTE, che si trova allegata in basso. Tale scheda è finalizzata a stilare un primo profilo dello studente per permettere al tutor organizzativo di individuare la proposta di stage più congeniale, in base alle indicazioni riportate dall’aspirante tirocinante. Compilata tale scheda, occorre inviarla via mail all’indirizzo daniela.longo (at) unimore.it con allegato il proprio CV.

Istruzioni per la compilazione

a) Alla voce livello linguistico si richiede d'inserire un'autovalutazione (in considerazione anche dei voti ottenuti agli esami sostenuti nell'ambito dello studio di una lingua straniera, esperienze Erasmus ecc.), oppure il livello della certificazione linguistica sostenuta.

b) Alla voce area di interesse tirocinio indicare la tipologia di azienda ospitante dove si desidererebbe svolgere il proprio tirocinio

c) Alla voce area geografica occorre specificare il luogo dove preferibilmente si vorrebbe svolgere il tirocinio.

d) Alla voce durata tirocinio inserire il dato temporale che definirà la disponibilità a candidature per tirocini offerti con durata variabile.

Accreditamento crediti del tirocinio 
A fine tirocinio lo studente compila la scheda tirocinio insieme al tutor scientifico.
La scheda tirocinio + il diario presenze vanno consegnati (sempre a fine esperienza) all'UFFICIO STAGE. Il riconoscimento dei crediti avverrà nella seduta della Giunta di Dipartimento seguente alla consegna della sopra citata modulistica. Il verbale verrà trasmesso (dalla segreteria stessa) alla Segreteria Studenti che provvede all'apposizione dei crediti.
I crediti ottenuti con l’esperienza di tirocinio non vengono apposti sul libretto ma sul curriculum dello studente.


MODULISTICA DA SCARICARE

SCHEDA STUDENTE

SCHEDA FINE TIROCINIO - RICONOSCIMENTO CREDITI

TABELLA PRESENZE

QUESTIONARIO VALUTAZIONE AZIENDA

QUESTIONARIO VALUTAZIONE TIROCINANTE


Ultima modifica maggio 2017